Riforma delle carceri, Adriano Sofri tra gli “esperti” di Renzi

È Adriano Sofri, il leader di Lotta Continua condannato a 22 anni di carcere (ma da tempo in libertà) quale mandante dell’omicidio del commissario di Polizia Luigi Calabresi avvenuto a Milano nel 1972, uno degli “esperti” chiamati dal ministro della Giustizia Andrea Orlando per riformare il sistema penitenziario italiano.

sofri

 

“La presenza di Sofri tra gli ‘esperti’ – ha commentato il sindacato di polizia penitenziaria Sappe – è un fatto assai grave e inaccettabile”.

Adriano Sofri , ex leader di Lotta Continua, è stato condannato a 22 anni di carcere  quale mandante dell’omicidio del commissario di polizia Luigi Calabresi, avvenuto nel 1972.

Il segretario generale del Sappe Donato Capece non usa mezzi termini: “La decisione del ministro Orlando è inaccettabile e inammissibile“. Appena ha saputo la decisione del ministero della Giustizia di investire Sofri di un compito tanto delicato, è andato su tutte le furie. “Siamo letteralmente saltati sulle sedie – racconta Capece – noi della segreteria generale del Sappe, quando abbiamo letto il decreto”. Sofri sarà il responsabile di istruzione e cultura negli Stati generali delle carceri.

“A lui – continua il segretario generale del Sappe – gli italiani onesti e con la fedina penale immacolata pagheranno con le loro tasse le trasferte, i pasti ed i gettoni di presenza”.

Il Guardasigilli ha insediato gli esperti per dare esecuzione agli annunciati Stati Generali sulla esecuzione penale. Il Sappe auspica che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenga su quella che è “una scelta del ministro della Giustizia inopportuna e inadatta”. il giornale



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -