Nsagate: Wikileaks rivela “spiati Chirac, Sarkozy e Hollande”

Wikileaks

 

Gli ultimi tre presidenti francesi, insieme a diversi ministri, deputati e diplomatici, sono stati spiati dall’agenzia per la sicurezza nazionale americana (Nsa): lo sostiene il quotidiano francese Liberation, citando documenti catalogati come “Top Secret”, diffusi da Wikileaks.

Secondo questi dati, dal 2006 al maggio 2012 il grande ‘orecchio’ americano ha spiato Jacques Chirac, Nicolas Sarkozy e l’attuale presidente Francois Hollande, all’epoca appena insediato all’Eliseo.

La Cia avverte le colonie: sappiamo tutto di voi.

Puntuale arriva la reazione francese alla notizia delle intercettazioni americane a danno degli ultimi tre inquilini dell’Eliseo. Il governo francese denuncia l’accaduto definendolo “inaccettabile tra alleati”. “Francia e Stati Uniti sono spesso alleati nel mondo a favore della democrazia e della liberta’. Che ci sia stata questa ‘copertura’ evidentemente non e’ ne’ accettabile ne’ comprensibile”, ha dichiarato all’emittente I-Tele il ministro portavoce del governo, Stephane Le Foll. Secondo documenti catalogati come “Top Secret”, diffusi da Wikileaks, dal 2006 al maggio 2012 il grande ‘orecchio’ americano ha spiato Jacques Chirac, Nicolas Sarkozy e l’attuale presidente Francois Hollande, all’epoca appena insediato all’Eliseo.
Hollande ha convocato per oggi all’Eliseo una riunione urgente con i principali ministri e i piu’ alti responsabili dell’esercito e dei servizi segreti. agi



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -