Degrado urbano causato dagli stranieri e tollerato dalla sinistra: Italia nel baratro

IL DEGRADO URBANO PROVOCATO DAGLI STRANIERI E TOLLERATO DALLA SINISTRA, RAPPRESENTA IL BARATRO IN CUI STA ANDANDO INCONTRO L’ITALIA

 

defec-firenze3

Ci sono nazioni che affrontano la questione dell’immigrazione con il dovuto piglio e concretezza sceverando il loglio dal grano, vale a dire distinguendo i profughi dai clandestini: lo fanno alzando muri o prendendo decisioni chiare a tutela della propria gente, mentre l’Italia interviene alzando le tasse non solo per assicurare un ricovero dignitoso a questi baldi ragazzotti che poi vanno a riempire le già degradate periferie urbane delle nostre città, ma anche per garantire il proseguo del business dell’immigrazione grazie al quale cooperative bianche e rosse, organizzazioni catto-comuniste e arcobaleno o più in generale non governative, hanno trovato il proprio albero della cuccagna.

Poi una domenica sera di inizio estate ti capita di uscire dalla stazione dei treni di Vicenza per avviarti verso campo Marzo al fine di raggiungere l’auto parcheggiata li vicino e invece ti trovi in un colpo solo proiettato nell’Africa più nera. Da una parte decine di baldi ragazzotti dallo sguardo fisso che nel bivaccare sulle panchine e nello studiarti sembra ti stiano per dire “cosa fai tu qui!”.
Dall’altra, dei gruppuscoli sempre di africani che animatamente litigano tra loro spuntando la loro bava per terra come se volessero mostrare il loro disprezzo nei confronti della terra che li sta -nonostante tutto- ospitando.

Il degrado urbano di Vicenza, così come di moltissime altre città Venete e italiane, è la perfetta rappresentazione del baratro cui sta andando incontro la nazione tutta.

Alex Cioni
Coordinatore Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale alto vicentino



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -