Roma: azienda in crisi, imprenditore 43enne si spara

 

Ha scelto l’ufficio della sua azienda, a Lariano, ai Castelli Romani, per farla finita. Azienda trasferita da Roma da appena due anni, la Siet srl, un’attività di vendita e installazione di impianti elettrici industriali che era in crisi. E il suo proprietario non ha retto al fallimento del lavoro di una vita. Così Claudio Di Vincenzo, 43 anni, si è sparato un colpo alla testa con una pistola calibro 6.35, regolamentate detenuta. Ricoverato all’ospedale San Camillo nella Capitale, ora lotta tra la vita e la morte.

Scrive il messaggero che a  trovarlo seduto alla sua scrivania alle 8.30 di mattina è stata la sua segretaria che ha subito allertato i soccorsi. Adesso è ricoverato in terapia intensiva e per lui la prognosi non è positiva.

I PROBLEMI Dei problemi che stava attraversando la sua azienda Claudio ne aveva parlato anche con i suoi otto dipendenti. Molte ditte che avevano comprato dalla Siet srl non erano più in grado di pagare i lavori e così l’imprenditore si era trovato senza liquidità. Una situazione che si trascinava da troppo tempo e che, a detta di alcuni suoi dipendenti, gli avrebbe impedito di pagare gli stipendi nel prossimo futuro.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -