Isis, nuovo video di minacce all’Italia: “Dopo Tripoli ci prenderemo Roma”

 


Ancora un messagio dell’Isis: l’Italia è nel mirino dei jihadisti. In un video apparso in Rete, i jihadisti mostrano le bandiere italiane sventolare sulle navi durante gli anni del colonialismo, che vengono ricordati per sottolineare l’odio dei libici nei confronti dell’Italia.

Secondo quanto racconta ilTempo, la clip dell’Isis mostra come le truppe dell’esercito del terrore abbiano deciso di fare un salto di qualità.

“Il Califfato con la conquista di Roma sta per compiere un’impresa epica e tutti i libici sono invitati a tornare nel loro paese per ristabilire la legge di Allah”.

Non è possibile fermare l’espansione del Califfato in Libia perché i musulmani del paese sono con lo Stato islamico”. Nel filmato,poi, gli jihadisti si rivolgono all’Italia partendo dagli anni del colonialismo in Libia e ripercorrendo le tappe della liberazione. I mujaheddin hanno già combattuto contro i miscredenti italiani, spiega la voce narrante, e non temono di rifarlo. Il tentativo del’Occidente di stabilire nel Paese un governo apostata è votato al fallimento perché i musulmani stanno con lo Stato islamico”.

isis-italia

La tempistica del video è allarmante. La clip infatti, come sottolinea sempre ilTempo, è arrivata nel giorno dell’incontro a Expo a Milano tra Hollande e Matteo Renzi. Durante il vertice si è parlato di immigrazione ma anche di una strategia per fermare gli sbarchi dalla Libia gestiti dai jihadisti. Un messaggio quello dell’Isis chiaro: dopo Tripoli è Roma la città su cui puntano i jihadisti. il giornale



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -