Figlio di Bin Laden chiede certificato di morte del padre. USA: “Non esiste”

Abdallah bin Laden scrisse all’ambasciata degli Stati Uniti in Arabia Saudita per chiedere il certificato di morte del padre, Osama bin Laden, ucciso nel blitz in Pakistan il 2 maggio 2011. Ma l’ambasciata rispose ad Abdallah che non esiste un certificato ma suggerisce ai familiari altri modi per ottenere una conferma ufficiale della morte del leader di al Qaeda. Lo scambio di missive è stato rivelato, ancora una volta, da Wikileaks che ha pubblicato centinaia di migliaia di documenti provenienti dagli archivi del ministero degli Esteri saudita, chiamati “The Saudi Cables.”

osama_bin_laden

Nella lettera, datata 9 settembre 2011 e firmata da Glen Keiser, console generale dell’ambasciata americana a Riad, si definisce l’assenza di un certificato di morte di Bin Laden “coerente con le procedure attuate nel caso di individui uccisi nel corso di operazioni militari”. Ma per ottenere un documento ufficiale, il diplomatico suggeriva di richiedere alla magistratura americana, che nel giugno del 2011 chiuse tutti i procedimenti nei confronti del leader di al Qaeda, un ordine di “nolle prosequi”, cioè di archiviazione delle accuse in conseguenza della morte dell’imputato.

Non è chiaro dalla lettera pubblicata il motivo per il quale Abdallah bin Laden richiedeva il certificato di morte del padre. Non è la prima volta che la questione viene sollevata: nel 2012 erano stati i media americani a richiedere al Pentagono, appellandosi al Freedom of Information Act, il certificato di morte. Ma la risposta del dipartimento di Difesa allora fu che non era stato possibile trovare quel documento. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -