Nuovo caso di meningite in Toscana, 32enne in rianimazione a Livorno

Un giovane livornese di 32 anni è stato trasportato questa notte, poco prima delle 2, al pronto soccorso del P.O. di Livorno. E’ stata subito diagnosticata una meningite, e dai primi accertamenti eseguiti è emersa la probabilità che si tratti di una forma causata da infezione pneumococcica, che non è la forma infettiva da meningococco che ha dato origine al cluster di casi di meningite verificatisi recentemente in Toscana e al piano straordinario di vaccinazione e rivaccinazione ancora in corso.

Lo comunica la direzione sanitaria dell’Asl di Livorno in una nota. “Siamo in attesa di conoscere l’esito degli esami di conferma, che sono stati immediatamente inviati al Centro di riferimento di Firenze, e che saranno noti nel primo pomeriggio”, spiega il direttore sanitario Carlo Giustarini.

Il paziente attualmente è ricoverato in isolamento presso la Rianimazione dell’ospedale di Livorno e ha immediatamente iniziato il trattamento farmacologico del caso. Le sue funzioni vitali sono stabili, è intubato e ventilato artificialmente, la prognosi è riservata.

L’evoluzione clinica è costantemente monitorata dagli anestesisti rianimatori e dagli infettivologi.Sono stati attivati tutti i protocolli di sicurezza previsti dalle procedure in vigore, tutti i servizi competenti dell’Azienda sono stati allertati per gli interventi di loro competenza. Al momento non è necessaria nessuna misura di profilassi, nessun allarme per la popolazione né per chi è venuto in contatto con il paziente nelle ultime ore: in ogni caso è già pronto il piano di intervento con profilassi antibiotica nell’eventualità che dovesse rendersi necessario. (LaPresse)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -