Crisi Zanon di Schio, 60 lavoratori a rischio licenziamento

PROTESTA LAVORATORI ZANON DI SCHIO

zanon-schio

La crisi della Ettore Zanon di Schio, storica azienda che produce caldaie industriali ecc. e che occupa circa 200 dipendenti, per una sessantina di loro c’è il rischio di licenziamento.
Ovviamente i sindacati, dall’alto della loro esperienza e competenza nel mondo del lavoro (degli altri) e nonostante la proprietà abbia manifestato di voler continuare a proseguire l’attività, sono passati subito all’attacco: “…pur avendo introdotto di recente nuove tipologie di serbatoi ad alta temperatura e ad alta pressione per laboratori di fisica, le difficoltà che si incontrano nel mercato tradizionale dei serbatoi per il settore chimico hanno portato a questi pessimi risultati. Perciò dalle proteste passano alle sentenze, denunciando a loro dire “una cattiva gestione.

Mentre, Alex Cioni coordinatore alto vicentino di FdI-AN esprime “vicinanza e solidarietà ai lavoratori della Zanon di Schio e per la protesta inscenata oggi è comprensibile e legittima. La politica e le istituzioni, sopratutto quelle governative – prosegue Cioni – si occupino di più di questa nostra gente e dei problemi legati alla crisi occupazionale – che ancora persiste – e della pressione fiscale che opprime le aziende prima di impegnarsi in solidarietà pelose rivolte ai profughi o sedicenti tali e agli immigrati in generale”



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -