ONU contro Orban, lanciata campagna pro-immigrazione in Ungheria

L’Unhcr, l’agenzia Onu per i rifugiati, ha lanciato in Ungheria una campagna sui rifugiati “di successo” per sensibilizzare l’opinione pubblica e per presentare una visione alternativa alla linea dura sull’immigrazione del governo di Viktor Orban, che stamani ha annunciato la costruzione di un muro al confine con la Serbia.

terroristi davanti alle tende ONU (Unhcr)

terroristi davanti alle tende ONU (Unhcr)

Si tratta di cartelloni (i primi già affissi ieri in diverse stazioni della metropolitana di Budapest) che mostrano le storie ex rifugiati ormai integrati in Ungheria, come una guida turistica afghana o una donna del Bangladesh che gestisce un ristorante con il marito. Dal canto suo, il governo ha affisso altri manifesti con messaggi piu’ concreti e aderenti alla realtà: “Se vieni in Ungheria, non puoi rubare il lavoro agli ungheresi”, oppure “se vieni in Ungheria, devi rispettare le leggi”.

“Vogliamo che gli ungheresi capiscano che i rifugiati sono persone come loro che si sono ritrovate in circostanze eccezionali”, ha ribattuto per conto dell’Onu Kitty McKinsey, portavoce dell’Unhcr in Europa Centrale, che ha poi precisato: “Non siamo in lotta con il governo. Siamo qui per sostenere il governo nell’aiutare i rifugiati”. (ANSA-AP).



   

 

 

1 Commento per “ONU contro Orban, lanciata campagna pro-immigrazione in Ungheria”

  1. L’unico cosa da fare è uscire fuori dall’onu !

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -