Malore dopo l’arresto: pregiudicato nigeriano muore in commissariato

Roma – Un nigeriano 55enne è morto nel parcheggio del commissariato dopo aver accusato un malore in seguito all’arresto. E’ accaduto a Roma questo pomeriggio. A quanto ricostruito dalla Questura in una nota “intorno alle ore 17:40 in via Zagarise, zona Casal Morena, durante un servizio volto alla repressione dello spaccio di droga da parte della Polizia di Stato, era in corso un appostamento degli investigatori del Commissariato Romanina. Gli agenti sospettando di un possibile spacciatore, hanno deciso per un controllo. L’uomo individuato, alla vista dei poliziotti ha velocemente cercato di allontanarsi, cadendo in terra durante la fuga, venendo in breve raggiunto; causa le sue resistenze contro gli agenti, ne è nata una colluttazione, conclusa con non poca difficoltà”.

“Dopo essere stato bloccato, l’uomo è stato identificato per J.L.O. – cittadino nigeriano di 55 anni con numerosi precedenti di Polizia – spiega la Questura – perquisito, è stato trovato in possesso di alcune dosi di eroina e dichiarato in arresto. Accompagnato con una Volante richiesta precedentemente in ausilio quindi negli uffici del Commissariato per gli accertamenti di rito, l’uomo ha accusato un malore appena sceso nel parcheggio, per il quale è stato richiesto l’intervento personale medico del “118”. L’uomo, soccorso, è però in pochi minuti deceduto, malgrado le manovre di rianimazione effettuate dai medici. Sul posto il magistrato di turno e medico legale che si sono portati sul posto. Indagini affidate alla Squadra Mobile”. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -