Isis, nuovo video dell’orrore: “spia” siriana crocifissa e mutilata di mani e piedi

La saga del terrore continua. Dopo le mutilazioni, gli stupri, le donne vendute come schiave per un pacchetto di sigarette, le decapitazioni e le esecuzioni di massa l’Isis trova sempre un nuovo modo per superarsi. E questa volta ha superato la soglia dell’orrore con un video, uscito da poco, in cui si mostra un prigioniero crocifisso e fatto a pezzi in mezzo al deserto.

ISIS-MUTILATO

Pubblicato con il nome di “Scoraggiamo le spie 1”, lascia presagire che sia solo l’inizio di una nuova serie di filmati simili. Aymenn Jawad Al-Tamimi, socio del Middle East Forum, ha confermato che nel video i miliziani parlano di altre quattro spie in attesa di “giustizia”, una delle quali avrebbe avuto contatti con i Peshmerga curdi.

La confessione – Il video è conforme a tutti gli altri girati dall’Isis: telecamera in alta qualità, audio e video in stile hollywoodiano e regia curata ad arte. Il filmato comincia con un uomo mascherato mentre una canzone in sottofondo recita: “Noi distruggiamo ciò che è indegno e vile, nella mostruosità il suo mondo si è sconvolto”. Il jihadista quindi accusa il prigioniero, al solito vestito con la tuta arancione che richiama quelle di Guantanamo, di aver parlato con ufficiali dei servizi segreti curdi. La vittima, chiaramente esausta e quasi priva di conoscenza, non può far altro che confessare i sui “crimini”. A quel punto la sua fine è segnata.

L’esecuzione – Compare quindi una Sura del Corano, che recita: “Il castigo per chi muove guerra ad Allah e al suo Messaggero è esecuzione o crocifissione o amputazione di mani e piedi di lati opposti o l’esilio dal paese”. Purtroppo per la vittima l’esilio non è contemplato nella follia del Califfato, e la Sura lascia presagire quello che accadrà nel fotogramma successivo. Stacco, e l’inquadratura si sposta sul deserto. Qui il prigioniero è appeso alla croce, con la testa chinata in attesa della sua morte. A quel punto il boia, con il viso scoperto, gli mozza la mano destra e il piede sinistro fra le urla e i pianti dell’uomo. Nella sequenza successiva il corpo dell’uomo pende senza vita dalla croce di legno cui era legato. LIBERO



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -