Italiane alla prova costume, musulmane alla prova velo

E’ noto ormai che i giovani e le giovani musulmane stanno “provocando” nel ‘fare gazebi’ in alcune piazze italiane in cui fanno provare il velo islamico alle nostre ragazze. L’hanno fatto a Crema, poi è stata la volta di Lodi, dove il gazebo era posizionato di fianco al Duomo.

velo-lodi

Alla luce di questi fatti mi pongo e vi pongo una domanda: se è vero che, per gli islamici, il velo è un simbolo religioso e quindi sacro, perché viene fatto indossare alle donne occidentali da loro ritenute “infedeli”? Grazie a Dio, siamo a Crema, a Lodi o in altre località italiane, ma ancora non siamo in quella che chiamano dār al-Islām, terra islamica dove pare che la loro rigidissima legge, la shar’ia, l’unica rispettata, compresa l’imposizione del velo a tutte le donne, turiste incluse.

E allora perché le giovani musulmane si abbandonano a queste superficialità? Se è vero che è un simbolo di appartenenza all’islam, non è quindi un capo d’abbigliamento con cui fare la “prova velo come noi facciamo la prova costume”, ma piuttosto qualcosa da indossare.

Mi pongo inoltre una domanda a cui non riesco a dare risposta e chiedo quindi la collaborazione di chi mi legge: le Istituzioni competenti darebbero con la stessa facilità il permesso di allestire un gazebo vicino ad una moschea se a chiederlo non fosse magari il PD, ma un qualsiasi altro partito di destra e se, per la par condicio, volessimo far indossare al loro collo il Crocifisso? Oppure si griderebbe allo scandalo per la provocazione? Tra le domande che mi pongo una cosa mi è chiara: siamo ancora una volta davanti ad una discriminazione nei nostri confronti. A nessuno di noi è mai venuto in mente di fare una cosa simile con il Crocefisso che è e resta un simbolo religioso da proteggere e non certo da “esibire” strumentalmente.

Rossella Colombo



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -