Aggressione a Milano, testimone: “Inseguivano il capotreno con il machete in mano”

aggressione-capotreno-milano

 

Emergono particolari inquietanti sull’aggressione con il machete a Milano. Secondo un testimone, uno dei tre fermati, dopo essere sceso, è “risalito sul treno”, e ha ‘puntato’ con il machete in mano il capotreno “inseguendolo all’interno della prima carrozza, mentre lui tentava di fuggire”.

Lo ha messo a verbale Riccardo Magagnin, ferroviere che, l’11 giugno scorso a Milano, era sul passante ferroviario quando il collega Carlo Di Napoli e’ stato gravemente ferito ad un braccio, quasi amputato. Anche verso di lui, tra l’altro, e’ stato indirizzato un “fendente”, ma e’ riuscito “a bloccare il braccio dell’aggressore”, prima di essere pestato.

Le sue dichiarazioni sono contenute nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, firmata dal gip Gennaro Mastrangelo, a carico dei due ragazzi salvadoregni e dell’ecuadoriano, appartenenti alla “pandilla” MS13 e arrestati nei giorni scorsi. “Ricordo – ha spiegato il ferroviere – di essere stato buttato a terra e poi ho tentato di proteggermi il viso mettendomi in posizione fetale per attutire i colpi”.

Dall’ordinanza, tra l’altro, emerge anche che Jose’ Emilio Rosa Martinez – 19enne, difeso dal legale Andrea Mantuano e che ha gia’ confessato di aver sferrato il colpo di machete – ha indicato ai magistrati anche un altro dei componenti del gruppo, oltre ai due giovani finiti in carcere con lui.

Martinez, infatti, non solo si è detto “dispiaciuto” per il suo gesto e ha raccontato i dettagli di una serata a base di “vodka” conclusa con la brutale aggressione in treno, ma ha anche messo a verbale di aver preso in prestito l’arma da “Pajaro Loko”, soprannome di Andres Lopez Barraz.

La consegna sarebbe avvenuta quando erano in un parco a bere con altri e prima di salire in gruppo (erano in sette e c’era anche tale “Kevin il Rokero”) sul passante ferroviario. L’amico teneva il machete “nascosto in un cespuglio”, ha spiegato Martinez, e “ho chiesto il permesso (…) ha detto che potevo prenderlo, e quindi l’ho nascosto all’interno dei pantaloni che indossavo”.

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -