Stratoulis: “Vogliono ridurre in schiavitù il popolo greco”

 

Oltre al miliardo e 800 milioni di euro derivanti dalla riforma dell’Iva, i creditori della Grecia chiedono al Paese un altro miliardo e 800 milioni da trovare apportando ulteriori tagli al sistema pensionistico pari al 20% in meno su tutte le pensioni principali e quelle integrative. Lo ha detto oggi il vice ministro della Sicurezza sociale, Dimitris Stratoulis, parlando con l’agenzia di stampa ellenica Ana-Mpa.

 

Grecia-Ue2

Secondo Stratoulis, queste richieste “sono misure dirette all’eliminazione e porteranno il popolo greco alla schiavitù. Sono inaccettabili e quindi vanno respinte”.

Il vice ministro ha aggiunto che le cosiddette “pensioni alte” in Grecia non esistono e ha sottolineato che complessivamente, dall’inizio della crisi ad oggi, i tagli alle pensioni hanno già portato ad una riduzione del 50% delle rendite dei pensionati. Stando così le cose, ha detto ancora Stratoulis, altri tagli andrebbero solo a peggiorare ulteriormente la recessione dell’economia greca. Il vice ministro ha inoltre rassicurato che, come al solito, le pensioni saranno pagate alla fine del mese e per far ciò sono state adottate tutte le misure necessarie. Egli ha concluso ribadendo che il governo Syriza ha come priorità le esigenze dei lavoratori e dei pensionati e solo in seconda battuta quelle dei creditori. (ANSAmed).



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -