Nel 2014 gli immigrati UE hanno inviato nei loro Paesi 109,4 miliardi di dollari

Le rimesse degli immigrati dall’Europa verso i Paesi d’origine nel 2014 sono state pari a 109,4 miliardi di dollari, un fattore di sviluppo che potrebbe portare molti piu’ benefici con un accesso a programmi finanziari per investirli e servizi di trasferimento denaro piu’ competitivi. E’ quanto si legge nel rapporto “Sending Money Home: European flows and markets” presentato a Roma dall’Ifad (Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo), alla vigilia del Forum Globale sille Rimesse che si terra’ da domani a Milano.

Come riporta l’analisi, dall’Europa occidentale e dalla Russia arriva la maggior parte delle rimesse, con 6 Paesi in particolare che da soli valgono il 75% del totale inviato dal Vecchio Continente. Fra questi, c’e’ anche l’Italia, al quinto posto, con 10,4 miliardi di dollari, dopo Russia, Gran Bretagna, Germania e Francia e prima della Spagna.

Quanto ai destinatari, circa un terzo del denaro (36,5 mld) e’ andato a 19 Paesi nei Balcani, Baltici e Europa dell’Est, compresi 10 nazioni Ue, mentre i restanti due terzi (72,9 mld) sono finiti in 50 Paesi in via di sviluppo. Tra coloro che dipendono maggiormente dalle rimesse, dopo l’Europa, ci sono Stati nel Maghreb e nell’Asia Centrale, ma questo flusso di denaro dall’Europa sostiene anche Paesi in difficolta’ come Iraq, Mali, Somalia, Sudan, Siria e Yemen.

“Dobbiamo assicurare che questo denaro guadagnato con fatica venga inviato a casa in modo economico”,  ha sottolineato Kanayo F. Nwanze, presidente dell’Ifad. Proprio in quest’ottica, viene la richiesta dell’agenzia Onu di migliorare gli strumenti a disposizione dei migranti e delle loro famiglie per abbassare il costo dei trasferimenti di denaro (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -