Libia, medico liberato: e’ stata dura ma ringrazio Allah

“Non vedo l’ora di poter riabbracciare mia moglie. E’ stato un periodo molto duro. La Libia e’ un paese bellissimo, ma e’ stata dura”. Lo ha detto Ignazio Scaravilli, ortopedico catanese di 70 anni, sentito questa mattina dal pm Sergio Colaiocco in merito al suo lungo sequestro.

Partito prima di Natale 2014 con altri dottori siciliani per lavorare come volontario in un ospedale di Dar Al Wafa, nella zona di Suq Talat, Scaravilli e’ sparito in circostanze poco chiare il giorno dell’Epifania.

“Lasciamo lavorare la giustizia – ha detto il medico ai giornalisti senza entrare nel merito dell’indagine aperta per sequestro di persona e senza far riferimento a chi lo ha tenuto prigioniero per oltre cinque mesi -, penso che saro’ sentito ancora dal magistrato. Posso dire che sono stato trattato in maniera accettabile e che sono in buone condizioni di salute. Passero’ l’estate a Catania a centro metri dal mare”. Tornera’ in Libia? “E’ un paese bellissimo, mi piacciono i datteri e le persone”.

Infine una battuta: “Chi devo ringraziare della liberazione? Dico grazie ad Allah”. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -