Libia: rientra il medico italiano Scaravilli. Tripoli: mai stato sequestrato

Il medico italiano Ignazio Scaravilli e’ rientrato in Italia dalla Libia, cinque mesi dopo la sua scomparsa a Tripoli in seguito a un rapimento attribuito a jihadisti di Ansar al Sharia e a criminali comuni. La Farnesina ha espresso “soddisfazione” e ha fatto sapere che il 68enne catanese sta bene ed e’ rientrato con un volo di Stato, accompagnato dal capo dell’Unita’ di crisi, Claudio Taffuri.

scaravilli

In attesa che Scaravilli sia ascoltato dagli inquirenti italiani, resta pero’ il giallo su un caso sul quale sono state fornite pochissime informazioni. Il 9 giugno era stata data notizia della liberazione di Scaravilli e fonti diplomatiche avevano riferito che vi avevano contribuito le forze di sicurezza di Tripoli, il cui governo vicino alle milizie islamiche non e’ riconosciuto dalla comunita’ internazionale. Era stato preannunciato un rapido rimpatrio ma sono trascorsi sei giorni prima del ritorno a Roma. Tra le ipotesi circolate c’e’ quella dell’Huffington POst secondo cui Scaravilli sarebbe finito al centro di un braccio di ferro diplomatico, con il governo di Tripoli che chiedeva all’Italia il riconoscimento del proprio governo, sostenuto dai miliziani filo-islamici di Alba libica in cambio della partenza del medico.

Ora dal governo di Tripoli hanno fatto sapere che non ci sarebbe stato neppure un sequestro, perche’ in questi mesi Scaravilli era stato fermato per accertamenti conclusisi con la sua riconsegna al governo italiano. agi



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -