Il politically correct per i tre stupratori africani

“Violentano disabile, restano in cella”. E poi… “Arrestati nei giorni scorsi a Torino, non hanno risposto a gup”

L’ANSA sempre pronta a usare due pesi e due misure quando si tratta di non italiani, ci vende come una notizia ciò che in un Paese civile e democratico dovrebbe essere normale.
A nostro insindacabile giudizio (vuol dire che la pensiamo così e non siamo disposti a cambiare idea), chi violenta un essere umano (non “un altro” essere umano, perchè chi violenta non è umano), dovrebbe avere l’ergastolo. Il cosiddetto ‘fine pena mai’. Se poi, l’essere umano, come in questo caso è disabile, a nostro insindacabile giudizio gli stupratori dovrebbero avere il doppio della pena. Quindi, l’auspicio di una seconda vita ma con ergastolo.

Stiamo parlando della convalida dell’arresto per i tre allogeni nordafricani e, per non essere accusati di razzismo dai beceri buonisti di emme verso una specifica etnia, possiamo liberamente fare di tutta un erba un fascio perchè queste belve, quindi non esseri umani: un somalo, un ghanese e un nigeriano hanno sequestrato e violentato una ventenne disabile psichica a Torino.

I tre criminali che devono essere giudicati per direttissima – un somalo, un ghanese di 26 anni, che pochi mesi fa aveva chiesto asilo politico, e un nigeriano di 30 anni già espulso dall’Italia un anno fa – nell’udienza di convalida non hanno risposto alla domande.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -