Ucraina: rogo al deposito di petrolio, cinque cisterne in fiamme

Cinque cisterne continuano a bruciare a causa del vasto incendio che si è sviluppato in un deposito di petrolio nei pressi di Kiev, in Ucraina.

 

Il responsabile dei servizi di emergenza assicura che la situazione è sotto controllo, ma ora si teme anche per la diffusione di sostanze tossiche nell’aria.

L’inviata di euronews, Maria Korenyuk, ricorda che sono passati tre giorni da quando è divampato il rogo: “I soccorritori avevano promesso di estinguerlo entro mercoledì mattina, ma nelle ultime ore ha preso fuoco un’altra cisterna”.

La nuova arma dei pompieri sono i mezzi cingolati, derivati da tank militari, che vengono utilizzati per avvicinarsi con maggiore sicurezza alle cisterne in fiamme.

Nell’incendio sono morti tre vigili del fuoco e un dipendente del deposito, mentre un quarto pompiere risulta disperso.

Volodymyr Tsiba, addetto al dipartimento dell’Ambiente, dice di aver ricevuto segnalazioni da parte di alcuni residenti, che accusano problemi respiratori e allergie. “Sintomi – ammette – che possono insorgere a causa delle emissioni. Per questo motivo, è stato consigliato agli abitanti di restare il più possibile al chiuso o di proteggersi la bocca con una mascherina”.

Un consiglio diramato anche a Kiev, che dista una trentina di chilometri. La sostanza potenzialmente più pericolosa è il benzopirene, un agente cancerogeno che può rimanere nell’aria per diverse settimane. EURONEWS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -