Roma: campo di profughi musulmani nel piazzale davanti alla Tiburtina

 

Lo chiamano ‘the forest’, la foresta. Eppure, altro non è che largo Mazzoni, il piazzale davanti alla stazione Tiburtina. Da quattro giorni è la casa di centinaia di profughi, letteralmente accampati sotto gli alberi a pochi metri dalla stazione ferroviaria di Tiburtina, quella costata 330 milioni e che avrebbe dovuto costituire il fiore all’occhiello dell’Italia moderna, e all’ombra della Città del Sole, gioiello architettonico di Parsitalia.

profughi-tiburtina

Pochissimi di loro capiscono parole di italiano, qualcuno parla un inglese un po’ stentato, molto viene espresso a gesti. Per lo più sono di madrelingua aramaica, tutti musulmani. In giro, quando arriviamo, non se ne vedono più di 40: Loro però dicono di essere 150, forse 200. E qualche frequentatore del piazzale conferma quei numeri.

Per terra hanno messo dei teli, su cui stanno seduti durante il giorno o si sdraiano per dormire di notte. Intorno a loro, nessuno sembra averli notati, né pare essersi accorto della loro presenza, tanto meno le autorità

Ma da dove vengono e come sono arrivati in Italia? “Scappati … mare … Sardinia” dicono di essersi imbarcati su navi provenienti da vari Paesi dell’Africa, come la Libia, la Somalia, forse il Sudan, e di aver attraversato il mar Mediterraneo, fino ad arrivare a Roma.

L’Italia non è il loro approdo finale. Nel loro poco inglese, fanno capire di essere passati da qui per raggiungere altre mete. Soprattutto altri Paesi dell’Europa: “Germania, Norvegia, il nord Europa”, queste le loro mete. Ma non hanno soldi, dicono. Nè casa, né soldi. E, davanti alla domanda ‘come farete a trasferirvi?’ rispondono con il silenzio.

romatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -