Prima ti distruggo e poi ti presto i soldi per salvarti

L’Iraq non si mai ripreso dopo l’attacco americano che ha fatto fuori Saddam. Ora è ancora sotto attacco da parte dei terroristi dell’Isis (“ISIS è l’esercito segreto degli Stati Uniti”) che hanno già conquistato una parte di territorio. Il paese è stremato ed è costretto a chiedere denaro in prestito al fondo monetario.

Preaccordo dell’Fmi ad un piano di aiuti di 833 milioni di dollari a favore dell’Iraq. E’ quanto emerge al termine della missione guidata da Carlo Sdralevich, che si è svolta dal 27 maggio al 4 giugno a Aman, durante la quale si è discusso di un sostegno finanziario alle autorità irachene. “La missione ha raggiunto un preaccordo con le autorità irachene per un piano di aiuti da 833 milioni di dollari. Il preaccordo è sottoposto al via libera del vertice dell’Fmi e sarà esaminato dall’Executive board a luglio”, sottolinea in una nota Sdralevich. L’Fmi, sottolinea ancora, “è pronto a sostenere l’Iraq nei suoi sforzi per far fronte all’impatto economico del conflitto con l’Isis e alle ripercussioni legato al calo dei prezzi del petrolio a livello mondiale”.

Il conflitto, rileva Sdralevich, “ha creato una tragedia umanitaria e circa 3 milioni di sfollati” e “le violenze hanno causato ingenti danni alle infrastrutture”. Nel 2014, osserva, il pil iracheno ha subito una contrazione del 2,1% e quest’anno “si dovrebbe registrare solo un modesto recupero dello 0,5%”. A pesare sui conti, oltre al conflitto in corso, è soprattutto il crollo del prezzo del petrolio.

Adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -