Lussemburgo, referendum boccia il diritto di voto agli stranieri

 

I lussemburghesi hanno respinto l’estensione al diritto di voto agli stranieri, nel referendum di oggi. Con l’82% delle schede conteggiate, il granducato dice così no a una decisione che sarebbe stata senza precedenti in Europa e avrebbe potuto estendere del 50% l’elettorato.

Solo un cittadino su cinque ha infatti detto sì alla proposta di conferire il diritto di voto nelle elezioni generali agli stranieri residenti nel Paese da 10 anni (il 46% della popolazione). I cittadini di Paesi terzi, sempre più numerosi, possono già votare alle consultazioni municipali ed europee.Del 46% degli stranieri che vivono in Lussemburgo, nove su dieci sono europei, e tra loro i più numerosi sono portoghesi (il 16,4% della popolazione). La misura faceva parte dell’agenda di modernizzazione sostenuta dal premier Xavier Bettel.

Maggioranze forti si sono pronunciate anche contro l’abbassamento dell’età minima per votare a 16 anni e contro l’introduzione di un limite massimo di 10 anni al periodo in cui ricoprire incarichi di governo in modo continuativo. Fonte Reuters – Traduzione LaPresse



   

 

 

1 Commento per “Lussemburgo, referendum boccia il diritto di voto agli stranieri”

  1. ma cosa centra il voto dei stranieri, nel nostro paese………sarebbe come chiedere come fare l’arredamento in casa mia, a un vicino, che non centra niente, nella mia vita di ogni giorni….Tu lo chiederei questo, massimo se ha una cultura di vita e di religione tutta differente ?

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -