Arrivate 10 telefonate, altri 1500 clandestini da prelevare

sbarchi

 

Proseguono le operazioni di prelievo clandestini nel mar Mediterraneo. Nelle ultime ore sono arrivate al Centro nazionale di soccorso della Guardia costiera dieci chiamate di altrettanti gruppi di migranti che si trovano a bordo di barconi a largo della Libia e chiedono soccorso.

Un’operazione internazionale a cui partecipano Regno Unito, Svezia, Italia e Spagna è stata lanciata questa mattina per soccorrere 10 barconi di migranti che hanno chiesto aiuto nelle acque del Mediterraneo. Il ministero della Difesa britannico ha fatto sapere che la nave militare Hms Bulwark è impegnata a dare soccorso ad almeno 500 migranti. Intanto la guardia costiera italiana, che coordina le operazioni da Roma, fa sapere di aver ricevuto 10 richieste di aiuto. Chiamata a dare soccorso anche una nave mercantile di Singapore. Melissa Fleming, portavoce dell’agenzia per i rifugiati dell’Onu, scrive su Twitter che le persone da mettere in salvo potrebbero essere fino a 1.500.

.La centrale operativa si è attivata con gli assetti navali presenti nell’area: intervengono in soccorso la nave CP940 Dattilo della Guardia costiera, la Bourbon Argos di Medici senza frontiere, diversi assetti Frontex (una nave inglese, una svedese e una spagnola) ed è stato inoltre dirottata una unità mercantile. Oggi sta peraltro operando al largo della Libia anche nave Bullwork della marina militare britannico.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -