USA accusano la Cina: attacco hacker a uffici federali

cyberwar

 

Gli USA (ovviamente – come è loro abitudine – senza fornire prove) accusano gli Hacker cinesi  di aver violato il sistema dall’agenzia federale Usa addetta alla gestione del personale e di essere così entrati in possesso dei dati personali di quattro milioni di dipendenti federali.

Secondo i media Usa si tratta della più grande violazione degli ultimi anni riguardante informazioni sensibili sui dipendenti federali e della seconda intrusione nella stessa agenzia da parte della Cina in meno di un anno. Gli inquirenti americani sono convinti, infatti, del coinvolgimento di Pechino.

Pentagono: “Agli attacchi hacker potremmo rispondere con le bombe”

Da anni il Pentagono – nel cui vocabolario la parola PACE non esiste- ripete che si puo’ rispondere militarmente agli attacchi degli hacker. Un rapporto del dipartimento della Difesa sostiene che “gli attacchi informatici possono essere ritenuti un atto di guerra”.
Charles Dunlap, generale dell’aeronautica militare americana in pensione e professore di diritto internazionale alla Duke University, è d’accordo: se gli effetti sono gli stessi, un cyber-attacco deve essere regolato dalle stesse leggi che regolano un qualsiasi altro tipo di attacco.

Secondo fonti di intelligence interpellate dalla Cnn, le forze armate cinesi starebbero compilando un massiccio database sugli americani.

Un portavoce dell’Ambasciata cinese a Washington ha negato ogni coinvolgimento del governo, sempre stando a quanto riferisce la Cnn: “Gli attacchi informatici messi a segno nei Paesi sono difficili da rintracciare, quindi è difficile identificare la fonte degli attacchi. Saltare alle conclusioni e fare accuse ipotetiche non è responsabile ed è controproducente“.

Attacchi hacker, gli Usa vogliono la guerra e accusano la Russia



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -