Roma: 15 carri per il gay Pride di sabato. Vaticano: “No a nuova Babele”

vendola_luxuria

 

Liberiamoci”:  è lo slogan scelto dagli attivisti Lgbti per il Roma Pride di sabato 13 giugno, e riassume in una parola una lunga lista di rivendicazioni della comunità. “Col Pride diventiamo soggetti della nostra liberazione individuale”, specifica il comitato organizzatore, un “processo mai concluso: ma anche di “una liberazione collettiva, tanto più importante oggi che tanti spazi di libertà e autodeterminazione conquistati in passato sono sotto attacco e messi in discussione”.

“Ignazio Marino ha impresso veramente una svolta, con il registro delle unioni civili – dice l’assessore Maccarrone-: ha mantenuto un impegno preso con la comunità Lgbti e dato un segnale forte al Parlamento. E’ importante che dalla capitale d’Italia sia stata messa nero su bianco una scelta di cambiamento”.

Nel dettaglio, il Pride romano -quest’anno gemellato con quello di Belgrado- partirà da piazza della Repubblica per arrivare a piazza Venezia, “passando anche da piazza Vittorio -dice Maccarrone-, simbolo di convivenza multietnica e multiculturale”.

Saranno 15, 5 in più della scorsa edizione, i carri allegorici preparati dalle più diverse realtà, dalla Cgil al centro sociale Acrobax. Due gli hashtag su Twitter, #liberiamoci e #human. E, per la prima volta, il sindaco, la giunta e il consiglio comunale, accompagnati dai minisindaci dei municipi romani, sfileranno dietro uno striscione del Campidoglio, con la scritta Roma e lo scudo simbolo della città.

gay

MONSIGNOR PAGLIA – “Io sono rispettoso di tutte le individualità; dirò di più: per me ogni persona è sacra, in qualsiasi situazione si trovi. Ma da che mondo è mondo, la famiglia è formata soltanto da un uomo e una donna, con i loro figli. Bisogna evitare una nuova Babele”. E’ quanto sottolinea all’AdnKronos monsignor Vincenzo Paglia, presidente del Pontificio Consiglio per la famiglia.

“Dobbiamo prendere coscienza che su questo punto siamo chiamati a una battaglia radicale – avverte il presidente del dicastero vaticano – E’ questa famiglia, marito e moglie con i figli, a creare e formare la società, la cultura, la storia e in definitiva un popolo. Ed è questa la famiglia che non va discriminata”.

Poi, aggiunge monsignor Paglia, “possono anche individuarsi altri modi di convivenza, applicando ad esempio in Italia l’articolo 2 della Costituzione la quale però – ricorda – all’articolo 29 individua con chiarezza cosa si deve intendere per famiglia. Purtroppo – lamenta – la società sembra votata al culto della egolatria, sul cui altare si è pronti a sacrificare tutto, in nome di un esasperato individualismo”.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -