USA: uccide la compagna “Non era lesbica, mi ha presa in giro”

 

Quando l’amica le ha confessato che il loro rapporto non era nulla di serio ma che “stava solo sperimentando la sua sessualità”, lei l’ha ammazzata.

lesbica-uccide

 

Jessica Michelle Ewing, 24enne, è stata condannata a 45 anni di carcere da un tribunale di Christiansburg nello stato della Virginia, negli Stati Uniti, per omicidio volontario.

I fatti contestati, come racconta il New York Daily News, risalgono all’anno scorso: la donna condannata aveva avviato una relazione sentimentale con la vittima, la 21enne Samantha Shrestha, anche lei studentessa universitaria al Virginia Tech.

Il corpo della 21enne venne ritrovato in un sacco a pelo nel sedile posteriore della sua auto abbandonata. Dopo le indagini, le accuse sono ricadute sulla compagna e amica intima che prima ha rigettato ogni accusa ma poi ha ammesso le sue colpe. La 24enne ha spiegato che l’omicidio è giunto al termine di uno scatto d’ira, quando l’amica le aveva spiegato che non era lesbica ma che voleva solo “sperimentare”.

“Ho amato Sam, non riuscivo a credere che ero solo un esperimento per lei”, ha dichiarato davanti ai giudici Jessica Michelle Ewing ammettendo di aver strangolato l’amica.

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -