Parigi, rischio epidemie: polizia smantella campo di immigrati africani

Un campo di immigrati africani sorto un anno fa a Parigi sotto un ponte della metropolitana tra le stazioni di La Chapelle e Barbes-Rochechouart, nella zona nord della capitale, e’ stato smantellato stamattina con un’imponente operazione che ha impegnato decine di agenti delle forze dell’ordine.

immigrati-parigi

 

Avviate all’alba le operazioni di sgombero dei migranti che sostavano da settimane nella tendopoli parigina a due passi da Montmartre e dalla Gare du Nord. Sul posto sono giunte intorno alle 6 numerose camionette della polizia mentre l’area del ponte è stata chiusa al traffico. Allontanati fotografi e giornalisti. Mercoledì il prefetto di polizia, Bernard Boucault, aveva annunciato l’imminente sgombero del sito, dopo l’allarme delle autorità sanitarie sui gravi rischi di epidemia

parigi-immigrati

Nell’accampamento vivevano oltre 350 profughi, in maggioranza sudanesi, ma anche eritrei, somali e egiziani. Il loro numero era vistosamente aumentato a partire dallo scorso aprile, in coincidenza con il massiccio riprendere dei flussi migratori nel Mediterraneo. Le autorita’ avevano indicato nel fine settimane che il capo avrebbe potuto essere sgomberato entro le prossime 48 ore e cosi’ e’ stato.

Gli immigrati, in molti casi famiglie intere, sono stati trasferiti con autobus in vari alloggi nell’area di Parigi. Secondo le autorita’ e le organizzazioni che assistono i rifugiati, 160 di loro hanno chiesto di restare in Francia e altri 200 circa vorrebbero proseguire verso la Gran Bretagna e altri Paesi del Nord Europa. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -