Marocco costruisce 100 km di barriera per dividere il Paese dall’Algeria

muro-marocco-algeria

 

Le foto circolano da un po’, mancava solo la conferma ufficiale. Il Marocco sta costruendo un muro per delimitare a est il confine con l’Algeria. Oltre 100 km di barriera, giustificati in Parlamento, “per le controversie” tra i due Paesi. È stato il capo del Governo Benkirane ad ammettere la costruzione della barriera sulla linea di confine.

Un sigillo che mette fine alle voci sollevate dagli sparuti turisti che nel corso dell’ultimo anno si sono avventurati oltre i territori di solito visitati dagli stranieri in Marocco. Era luglio quando il caso fu sollevato per la prima volta. E in quell’occasione toccò al ministro dell’Interno Mohammed Hassad ammettere a denti stretti che quel muro in costruzione fotografato dai turisti era solo la difesa per le minacce terroristiche che arrivavano da quella direzione. Ora, a lavori quasi terminati, la conferma che non lascia dubbi.

Non è la prima volta che il Marocco accusa l’Algeria di nefandezze: inondare il paese di carburante di contrabbando, per esempio. L’Algeria dal canto suo accusa il Marocco di esportare hascisc. Le frontiere sono chiuse di fatto dal 1994, data in cui il Marocco ha imposto il visto sui passaporti per l’ingresso degli algerini. Il provvedimento restrittivo fu adottato dopo un attacco terroristico a Marrakech che colpì un albergo e che Rabat attribuì ai servizi segreti algerini. Ma dietro quelle che sembrano scaramucce si nascondono temi e problemi che affondano le radici nella storia dell’Africa, il più caldo: la questione del Sahara conteso e il finanziamento del fronte Polisario. La riapertura delle frontiere a lungo caldeggiata anche dall’Europa si allontana sempre più. E il muro diventa la prova tangibile della crisi che allontana i due paesi. (ANSAmed)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -