UE, Hollande e Merkel: No alla modifica dei trattati

L’agenda di Angela Merkel e François Holland per l’eurozona, riassunta in un documento ottenuto da Le Monde, chiude una porta alle speranze del primo ministro David Cameron di ottenere una serie di riforme dell’Unione europea prima del referendum britannico sulla membership all’Ue. Uno stop chiaro che giunge alla vigilia della visita del premier di Londra a Parigi, il prossimo 28 maggio, e a Berlino, venerdì 29, e che il Guardian definisce già “un colpo” a Cameron.

Il premier londinese punta a riforme in vari settori – dalle politiche sull’immigrazione al welfare – ma certo non può gradire un piano per maggiore integrazione nella zona euro che prevede di “non modificare i Trattati in vigore”E in un testo congiunto visionato da Le Monde, Francia e Germania ignorano, anzi, indirettamente bocciano, le richieste di Cameron di revisione del Trattato di Lisbona, ipotizzando un piano di integrazione dell’eurozona da realizzare nell’ambito dei patti vigenti

In un contributo inviato lo scorso 23 maggio al presidente della Commissione Jean-Claude Juncker, Francia e Germania propongono sostanzialmente che l’eurozona si doti di un programma in “quattro aree di azione, che devono essere sviluppate nel quadro dei trattati esistenti, nei prossimi anni”: politica economica, fiscale e sociale, stabilità finanziaria e investimenti, governance dell’Unione monetaria. Preparato nella massima discrezione dai rispettivi sherpa, il documento è stato ultimato da François Hollande e Angela Merkel, a margine del vertice del “partenariato orientale” con sei Pesi dell’ex Unione sovietica, tra cui l’Ucraina, venerdì scorso a Riga.

E proprio nello stesso giorno, Cameron non ha escluso un appello a votare “no” al referendum sulla membership all’Ue se non otterrà le concessioni richieste ai partner europei.Il loro “contributo sull’unione monetaria” dimostra che i due leader di Parigi e Berlino non condividono molto dell’offensiva di Cameron per un cambiamento dell’Ue. Nel loro documento, il capo dello Stato francese e la cancelliera tedesca annunciano anche di volere proporre entro la fine del 2016, “passaggi aggiuntivi (…) che potrebbero questa volta esaminare il quadro politico e istituzionale, gli strumenti comuni e le basi giuridiche (…) pertinenti a lungo termine”. Un passaggio che potrebbe anche significare una revisione futura dei trattati, ma non nel senso e secondo i programmi di David Cameron.

Ieri il premier britannico ha incontrato il capo della Commissione europea Juncker, un faccia e faccia servito a lanciare l’offensiva diplomatica londinese per ottenere una serie di riforme dell’Unione europea prima del referendum in Gran Bretagna. “I colloqui sono stati incentrati sul processo di riforma dell’Ue e la rinegoziazione dei rapporti con la Gran Bretagna”, ha esplicitato un portavoce dell’ufficio del primo ministro dopo il faccia a faccia a Chequers. “Il primo ministro ha sottolineato che il popolo britannico non è soddisfatto dello status quo e crede che l’Ue debba cambiare in modo da poter meglio affrontare le loro preoccupazioni”. (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -