USA preoccupati per il fratello musulmano Morsi

“Profonda preoccupazione” e’ stata espressa dagli Stati Uniti per la sentenza che ha condannato a morte l’ex presidente egiziano Mohamed Morsi ( ingegnere formatosi negli Stati Uniti e leader dei Fratelli musulmani.) e altri 100 detenuti dei Fratelli Musulmani per il ruolo avuto nell’evasione di massa dalle carceri durante la rivolta del 2011 nel paese arabo.

morsi_mb

“Ci siamo spesso opposti alle sentenze e ai processi di massa”, ha affermato il Dipartimento di Stato americano, “condotto in un modo non compatibile con lo stato di diritto”.

La sentenza pronunciata dal giudice Shaaban el Shami e trasmessa al Gran Mufti per un parere religioso (ma non vincolante) è ancora appellabile, ma è pesantissima.

Nel 2012 Morsi veniva celebrato dal Time e prometteva al paese libertà e un rilancio economico attraverso i buoni contatti della Fratellanza con il Fondo Monetario Internazionale. Questo non avvenne. Fratelli musulmani e salafiti scrissero una costituzione con una forte impronta islamista. Nacque la rivolta e la gente comunciò a invocare l’esercito, che difatti arrivò e prese il potere emanando poi una costituzione piu’ liberale e avviando davvero un rilancio economico.



   

 

 

1 Commento per “USA preoccupati per il fratello musulmano Morsi”

  1. Gli Egiziani sono fortunati. Il loro esercito, non essendo sotto il controllo della NATO, puo’ fare qualcosa.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -