Boldrini: “Nel mondo 50 milioni di rifugiati. Dalla UE solo un piccolo passo”

“La quota di rifugiati da accogliere prevista dal nuovo piano della Commissione Europea è di circa 20 mila persone, da dividere su 28 Stati, quindi una cifra molto bassa, soprattutto se si pensa che in tutto il mondo i rifugiati sono 50 milioni”

 

boldrini

 

“Il primo aspetto positivo è che la Commissione Europea si è adoperata per aumentare le risorse di Frontex, della missione che si chiama Triton”. Lo ha detto la presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, intervistata a ‘Voci del Mattino’ su Radio1 Rai, parlando della questione immigrati.”Siamo passati da un investimento iniziale di 3 milioni di euro al mese a 9 milioni di euro, che di fatto è la cifra che investiva l’Italia con Mare Nostrum”, ha detto Boldrini aggiungendo che “la decisione europea è importante soprattutto perché dimostra senso di responsabilità verso l’obiettivo di salvare vite umane.

Mi preme sottolineare la solidarietà dimostrata verso gli Stati extracomunitari e anche fra gli stessi Stati comunitari. E’ passato il concetto della suddivisione degli oneri fra gli stati europei sul tema dei rifugiati”.”Da molti anni – ha ricordato Boldrini – esiste un programma che le organizzazioni internazionali portano avanti nei Paesi terzi. Prevede uno screening delle richieste di asilo, per valutare chi ne possieda i requisiti e chi no. Una volta fatta questa suddivisione i richiedenti asilo sono a disposizione degli Stati che ne facciano richiesta. Gli Stati Uniti, ad esempio, hanno sempre fatto richieste consistenti, nell’ordine delle 50-60 mila unità.

Molto attivi sono anche il Canada e alcuni Paesi del Nord Europa. Però, nel complesso – ha rilevato Boldrini – all’interno dell’Unione europea il numero è stato sempre piuttosto esiguo. La quota di rifugiati da accogliere prevista dal nuovo piano della Commissione Europea è di circa 20 mila persone, da dividere su 28 Stati, quindi una cifra molto bassa, soprattutto se si pensa che in tutto il mondo i rifugiati sono 50 milioni e che l’85% di essi è ospitato dai Paesi del sud del mondo. All’Europa – ha osservato la presidente della Camera – sembrano cifre considerevoli ma non lo sono. Pensiamo a Paesi come il Libano, che a fronte di una popolazione di 4 milioni di abitanti ospita oltre un milione di rifugiati. In proporzione è come se da noi ne fossero giunti 17 milioni. Invece lo scorso anno in Italia sono arrivate 180 mila persone, la maggior parte delle quali è solo transitata per il nostro Paese. Diciamo comunque che quello compiuto dall’Europa è un primo passo importante, il segnale, anche se timido, di un’assunzione di responsabilità su questi temi”.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -