Ivrea, incendio al carcere: detenuto marocchino appicca il fuoco alla sua cella

incendio E’ di dieci agenti intossicati il bilancio dell’incendio divampato ieri nel pomeriggio di ieri all’interno del carcere di Ivrea. Una tragedia sfiorata, verrebbe da dire, causata da un detenuto di origine marocchina che ha pensato bene di appiccare il fuoco alla sua cella e a tutto quello che si trovava tra le quattro mura. Una decina sono gli agenti di polizia penitenziaria intervenuti per mettere in salvo gli altri detenuti e per spegnere le fiamme.

A comunicare l’accaduto è stato il sindacato autonomo di polizia penitenziaria Sappe. “Ci sono stati momenti di grande tensione e pericolo – ha commentato l’episodio il segretario generale del sindacato, Donato Capece -. I nostri agenti le hanno gestite bene ma quello che è avvenuto è sintomatico del fatto che le tensioni e le criticità nel sistema dell’esecuzione della pena in Italia sono costanti”.

I poliziotti hanno dovuto far ricorso alle cure sanitarie in ospedale. “La situazione è diventata allarmante per la polizia penitenziaria, che paga pesantemente in termini di stress e operatività”.

torinotoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -