Gita all’Expo, liceale precipita dal quinto piano dell’hotel

Il giovane liceale padovano precipitato dal quinto piano dell’hotel Leonardo Da Vinci di Milano, durante un soggiorno in città organizzato dalla scuola in occasione dell’Expo, si chiamava Domenico Maurantonio. Il ragazzo, che era nato l’1 marzo 1996 a Padova, frequentava il liceo Ippolito Nievo, uno dei più noti della città veneta.

Domenico-Maurantonio

foto ANSA

A Milano è giunto il padre sconvolto. Sotto choc anche i compagni di scuola, come lui ospitati nell’hotel Da Vinci, che stamani non l’hanno visto scendere a far colazione e si sono preoccupati per primi della sua assenza.

Segni sul braccio – Ci sono dei lati ancora poco chiari nella vicenda. Agli agenti delle volanti e del commissariato di zona si sono aggiunti gli investigatori della Squadra Mobile. La polizia, infatti, sin dai primi accertamenti aveva notato alcune incongruenze, poi quando il cadavere è stato girato durante l’ispezione cadaverica del medico legale, sarebbero stati trovati dei lividi su un braccio che non sarebbero compatibili con la caduta bensì con un contatto, forse una stretta da parte di una mano. Un particolare che non significa di per sé che non possa essersi trattato di una disgrazia, ma che forse qualcuno ha preferito non riferire tutto quello che sapeva. Le indagini proseguono e probabilmente continueranno fino agli esiti dell’autopsia disposta dal magistrato di turno.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -