Sardegna: islamici trafficavano migranti per acquistare armi ed esplosivo per i “martiri” di Allah

C’e’ anche il traffico di esseri umani tra le accuse della procura di Cagliari, nell’ambito dell’operazione anti terrorismo che ha portato all’arresto di nove persone. I pachistani finanziavano le attivita’ terroristiche in Pakistan organizzando i viaggi dei migranti, in particolare dal Pakistan.

kamikaze

Ogni persona pagava dai sei ai settemila euro per attraversare il Mediterraneo, soldi che venivano poi inviati nei paesi d’origine per acquistare armi e ordigni esplosivi, come gli zainetti utilizzati dai “martiri” di Allah. Il reperimento delle risorse avveniva anche tramite collette organizzate tra le comunita’ islamiche del nord Sardegna, con periodiche raccolte di fondi, ufficialmente destinate a scopi umanitari. Gli inquirenti hanno avuto riscontri di numerosi viaggi per portare il denaro (ventimila euro alla volta) nei paesi di origine degli arrestati.

L’indagine e’ partita nel 2005 dopo una perquisizione al porto di Olbia per sospetta presenza di esplosivo nel bagaglio di un passeggero pachistano. Dagli approfondimenti e interrogatori svolti in quell’occasione gli inquirenti trovarono elementi interessanti per proseguire le indagini, tra questi un foglietto in cui in lingua farsi erano riportati i versi di un voto al martirio. Gli arrestati a Olbia, oltre al leader religioso Khan Sultan Wali, di 39 anni, sono Khan Imitias e Muhammad Siddique. A Roma e’ stato arrestato Mir Niaz, mentre l’imam Zulkifal Hafiz Muhammad, uno dei capi dell’organizzazione, e’ stato fermato a Verdellino, in provincia di Bergamo. A Foggia gli uomini della Digos hanno bloccato Ridi Yahya Khan e a Sora (Frosinone) Zaher Ul Haq. A Civitanova Marche sono finiti in manette Shah Zubair e Ghani Sher.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -