Gazprom nel mirino dell’Antitrust europea

 

Dopo Google, nel mirino dell’Antitrust europea potrebbe finire il gigante del gas russo: Gazprom. Dopo l’apertura, tre anni fa, di un’indagine per posizione dominante di mercato, la Commissione europea potrebbe essere pronta a fare il passo successivo. Decisivo in questo il ruolo della Commissaria Margaret Vestager, che ha mostrato negli ultimi mesi un atteggiamento deciso a ripristinare la concorrenza in Europa.

La decisione europea arriva in un momento delicato delle relazioni tra Bruxelles e Mosca, già difficili dopo l’approvazione delle sanzioni economiche in scadenza a luglio.

“In Russia- in modo particolare negli ambienti legati all’establishment dell’energia-è diffusa l’idea che si tratti di un’azione fortemente politica. Io, però non ne sono convinto. E’ ancora presto per capire se si tratti di un caso politico oppure del tentativo di voler far rispettare la regolamentazione europea”. Spiega Marat Terterov, uno dei lobbisti impegnati a far da tramite tra le due parti.

Sotto la lente europea le tariffe,per il gas applicate da Gazprom in alcuni Paesi del Centro ed est europeo, quasi totalmente dipendenti dalle forniture russe. Tariffe che Bruxelles giudica troppo elevate.

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -