Cristiani gettati in mare, Boldrini: non credo alla discussione teologica

boldr7

 

“Non credo che a bordo queste persone abbiano fatto una discussione teologica. La responsabilità penale è individuale: chi uccide dev’essere punito adeguatamente, ma il problema va inquadrato in modo lucido e occorre capire che le semplificazioni non aiutano la comprensione”.

È quanto ha dichiarato la presidente della Camera Laura Boldrini in merito ai 15 fermi per il plurimo omicidio avvenuto su un barcone in acque internazionali. I 15 sono migranti di religione musulmana e sono accusati di aver buttato in mare alcuni compagni di traversata di fede cristiana, in seguito a una lite.

Negare che i cristiani siano stati uccisi per motivi religiosi è davvero troppo da parte della seconda carica dello Stato. Ma come può negare quello che un nigeriano testimone della strage ha riferito così chiaramente? Il giovane testimone ha riferito che, prima di sparare contro un passeggero del barcone che stava pregando Dio di non fare la stessa fine che hanno fatto gli studenti universitari in Kenya, ha urlato: “Qui si prega solo Allah…”.

Forse per Laura Boldrini questa è una discussione teologica….

libero



   

 

 

1 Commento per “Cristiani gettati in mare, Boldrini: non credo alla discussione teologica”

  1. Ci risiamo, nessuno vuole mai parlare a favore dei Cristiani va a finire che piano piano si inverte le religioni i mussulmani diventano buoni e i cattolici sono quelli cattivi da punire perché cristiani ma si vadano a fare una bella passeggiata cosi si rinfrescano le idee.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -