Chieti: No ai profughi nell’istituto per anziani e disabili. Sindaco occupa la struttura

chieti-profughi

 

“Mai profughi agli Istituti Riuniti San Giovanni Battista di Chieti”. Il sindaco Umberto Di Primio questa mattina ha occupato l’ingresso della struttura che ospita anziani e disabili come segno di protesta alla notizia dell’arrivo di 20 profughi. “No al centro di accoglienza”, cosi’ in un lungo striscione sorretto da piu’ persone, primo cittadino compreso. Di Primo e’ stato di nuovo candidato alle comunali del 31 maggio appoggiato da una coalizione che oltre al Nuovo Centrodestra, suo partito, e’ composta anche da Forza Italia, Udc, Fratelli d’Italia e due liste civiche.

Ovviamente si è scatenata la furia xenofilia del candidato sindaco del centro sinistra Luigi Febo, che ha accusato il sindaco di xenofobia per scopi elettorali. Una tarantella patetica anti-italiana che conosciamo a memoria. ”Partecipare al presidio di Casa Pound contro l’accoglienza di profughi vuol dire, checché ne dica il sindaco Di Primio, condividere il loro pensiero xenofobo. Ma la tentazione di cavalcare quest’onda di paura alimentata ad arte anche a fini elettoralistici, è troppo grande per Di Primio”

Irremovibile Di Primio –  “I profughi non verranno ospitati all’interno degli Istituti Riuniti San Giovanni Battista di Chieti. Ne’ ora, ne’ in futuro”, ha dichiarato il sindaco. “Gli Istituti Riuniti non si trasformeranno in centro di prima accoglienza o in centro di accoglienza per immigrati. Non permettero’ a nessuno di svendere la storica struttura di via dei Cappuccini. A Chieti – ha aggiunto Di Primio – non possiamo accettare che vengano ospitati profughi. Avevo gia’ scritto al prefetto che era inaccettabile l’idea di ospitare degli immigrati all’interno degli Istituti Riuniti San Giovanni Battista – ha commentato il sindaco – una struttura situata in pieno centro storico ed accanto ad una scuola primaria. Cosi’, appena ho avuto notizia del possibile arrivo di 20 extracomunitari ho deciso di occupare, insieme ad alcuni cittadini e ai candidati delle liste che mi sostengono, l’ingresso di via dei Cappuccini per impedire l’accesso ai profughi. A noi si sono uniti anche alcuni dipendenti della struttura. E’ bastata questa azione per scongiurare oggi l’arrivo dei profughi. Il presidente degli Istituti, Recubini nominato da D’ Alfonso (presidente della Regione Abruzzo, ndr), faccia le sue strategie di accoglienza altrove”. agi



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -