Ancona: operaio rapinato dopo il prelievo bancomat, ricercato un tunisino

cocci

 

Ancona – Preleva al bancomat e viene rapinato sotto la minaccia di una bottiglia di vetro rotta. E’ successo tutto ieri mattina in via Marconi, dopo che la vittima aveva prelevato da un bancomat della centralissima piazza della Repubblica. Erano le 12:00 circa quando un operaio di origini napoletane del traghetto Snav aveva ritirato dallo sportello elettronico di una banca la cifra di 900 euro. Ma nel frattempo l’uomo veniva tenuto d’occhio dai suoi aguzzini che lo hanno seguito e appena ha imboccato via Marconi, lo hanno assalito con un bottiglia rotta e gliel’hanno puntata alla gola. Così si sono fatti consegnare il denaro e poi sono fuggiti.

Immediatamente allertati, i carabinieri del nucleo operativo radiomobile, agli ordini del capitano Salvatore Strocchia, si sono precipitati sul posto e si sono messi alla ricerca dei due sospetti. Uno è stato scoperto e denunciato a piede libero. Ma sarebbe quello che non impugnava la bottiglia e che, di fatto, non aveva nemmeno con sè il denaro. Ora i militari stanno cercando un uomo di 48 anni di origini tunisine che, una volta identificato, verrà denunciato per rapina aggravata.

anconatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -