Francia, «la disoccupazione uccide 10-20 mila persone all’anno»

disoccupazione

 

La salute dei disoccupati è molto meno tutelata rispetto a quella di chi ha un lavoro. A spiegarlo è uno studio di un ricercatore francese dell’Inserm, Pierre Meneton, secondo il quale la mancanza di un’occupazione uccide ogni anno «tra le 10 e le 20 mila persone».

Lo scienziato ha analizzato le condizioni di circa 6.000 volontari di età variabile dai 35 ai 64 anni, in un periodo di tempo compreso tra il 1995 ed il 2007, concentrandosi in particolare sulla salute cardiovascolare e sul tasso di mortalità. I risultati sono stati pubblicati dalla rivista International Archives of Occupational and Environmental Health, e mettono in luce una «sovra-mortalità molto marcata» tra i disoccupati, ovvero circa tre volte superiore rispetto alla media dei lavoratori. Chi è in cerca di un posto, infatti, adotta spesso comportamenti e stili di vita più a rischio: «Consuma più alcool, mangia meno frutta e verdura, e assimila un quantitativo di calorie significativamente più alto». Secondo lo psichiatra Michel Debout, riferisce il magazine L’Express, la salute dei disoccupati può essere considerata «un vero e proprio buco nero nella conoscenza scientifica e medica».

In Italia il numero di disoccupati è oggi pari a circa 3 milioni di persone.
Andrea Barolini  valori.it



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -