Migliaia di cogl… che perdono la testa dietro a un palla

olimpico-napoli

 

Roma-Napoli: ‘Vesuvio lavali col fuoco’ Domanda: perché decine di migliaia di coglioni, di cui uno su due fa fatica a pagarsi il biglietto si battono e si sbattono per 22 cazzari milionari che corrono dietro a una palla mentre non muovono in dito per la perdita della loro dignità, della loro identità e la loro Patria? si chiede Armando Manocchia.

Questo il palcoscenico dell’anticipo Roma-Napoli dell’Olimpico: Per la cronaca, nessun incidente. Roma-Napoli è finita 1-0 per i giallorossi. Mille gli agenti schierati a spese della collettività. Un presidio di sicurezza nel luogo dove fu ferito a morte Ciro Esposito.

Due striscioni in ricordo: uno esposto prima fuori dell’Olimpico e poi nella curva con un chiaro riferimento alle ‘attivita’ della madre del giovane tifoso napoletano come: il ‘perdono’, le interviste e infine la recente presentazione del libro ‘Ciro Vive’ che recitavano: “Che cosa triste…lucri sul funerale con libri e interviste!” E l’altro: “C’è chi piange un figlio con dolore e moralità e chi ne fa un business senza dignità. Signora De Falchi onore a te”.

Striscioni che hanno suscitato clamore e polemiche. A mio avviso ambedue gli striscioni, condivisibili o meno, sono invece da ricollocarsi nella sfera della libera espressione. Mentre ciò che nessuno dice e che invece va ancora una volta stigmatizzato, non solo perché in forte contrasto con la libera espressione, è quell’arbitraria idea di certuni che non si fonda sulla distinzione del tifoso che giustifica la supremazia della sua squadra sull’altra, ma si realizza attraverso cori offensivi e discriminatori inutili e dannosi, i soliti cori offensivi sulla ‘Vesuvizzazione’ di Napoli come: ‘Vesuvio lavali col fuoco’ che alla fin fine costeranno solo una multa alla società di Trigoria.

Armando Manocchia  @mail



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -