USA, gli intrecci familiari di Kerry con Teheran

Un genero iraniano. Una sorella che, prima della Rivoluzione Islamica, studiava in Iran. La Repubblica Islamica è nella vita del segretario di Stato Usa, John Kerry, ben prima del suo arrivo a Foggy Bottom e del suo ruolo nel negoziato per il programma nucleare di Teheran.

kerry

E’ il 2009 quando Vanessa Bradford Kerry, figlia del capo della diplomazia americana, sposa il medico iraniano di origini americane Brian Vala Nahed. Vanessa è nata dalle nozze tra Kerry e Julia S. Thorne, prima moglie del segretario di Stato morta nell’aprile del 2006. Julie Thorne era la sorella gemella di David Thorne ex ambasciatore a Roma (L’ambasciatore Usa, ex cognato di Kerry, figlio di un agente della Cia, apprezza i grillini), amico d’infanzia di Kerry a Boston. Brian Vala Nahed, neurologo, è figlio di Nooshin P. Nahed e Dr. Reza M. Nahed e galeotto, come ha ricostruito il New York Times, è stato l’incontro con Vanessa, anche lei medico, nel 2005 al Massachusetts General Hospital di Boston.

Dell”Iranian connection’ di Kerry si è ricordato il generale Dhahi Khalfan Tamim, l’ex capo della polizia di Dubai, che a qualche ora dall’annuncio dell’accordo di principio raggiunto ieri a Losanna sul programma nucleare iraniano ha postato su Twitter una foto di Vanessa Kerry con il marito accanto. E ha, forse ironicamente, cinguettato: “Avranno avuto un ruolo questi due innamorati?”.

L’anno scorso in un’intervista a Siamak Dehghanpour di Voice of America Persian, Kerry parlava della sua storia personale di legami con l’Iran. Parlava di suo genero come di una persona “eccezionale” e diceva di conoscere l’Iran da molto tempo: “Mia sorella ha lavorato in Iran. Ha insegnato in una scuola internazionale, viveva a Teheran. Purtroppo ha lasciato il Paese nel 1979”. Ieri per Kerry è stato “un grande giorno”. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -