Ragazzino denudato, rasato e “addobbato con caramelle”, mamme difendono i bulli

bulli

 

Studente denudato, rasato e “addobbato con caramelle” dai bulli: è polemica

Farà discutere il caso raccontato oggi dalla Stampa: un episodio di bullismo, e quello che a molti non va giù è che i genitori difendono i “figli bulli”. Quattordici studenti sono stati sospesi e le mamme dicono: scuola esagerata, il castigo è eccessivo. Succede tutto in un liceo di Cuneo. Un ragazzo è stato offeso, denudato, e addobbato con delle caramelle. Ora rischiano la bocciatura e i genitori tentano una difesa. Ma la preside non ci sta: “L’episodio è grave”.

Il fatto nel corso di una gita scolastica a Roma. Di notte, in una camera d’albergo, si ritrovano a ridere e scherzare un nutrito gruppo di ragazzi, di 15 o 16 anni. Un compagno di classe a un certo punto viene preso di mira dagli altri: battute, vestiti tolti, peli rasati. Poi i marshmallow, le celebri caramelle, vengono indecorosamente appiccicati al corpo del giovane ormai sdraiato a letto. Uno dei ragazzi riprende tutto in un video, quando tornano a Cuneo quel video inizia a circolare e finisce anche tra le mani dei genitori dello studente. Il caso esplode.

La preside convoca prima tutti, quindi singolarmente. Non ci sono denunce, ma la punizione è dura in un liceo dove da otto anni nessuno viene sospeso: quattro in condotta per tutti e sospensioni dai 5 ai 15 giorni. La notizia diventa pubblica, viene postata su Facebook dove inizia il dibattito. Un gruppo di mamme ieri mattina si confronta e telefona a La Stampa. Non stigmatizzano l’episodio, ma difendono i ragazzi. «Macché bullismo. Macché violenze. È stato uno scherzo. Forse pesante, ma uno scherzo. Lo sbaglio è una punizione tanto severa».

www.today.it



   

 

 

4 Commenti per “Ragazzino denudato, rasato e “addobbato con caramelle”, mamme difendono i bulli”

  1. Queste indegne madri devono dimostrare che si tratta di uno scherzo banale sottoponendosi volontariamente allo stesso trattamento “scherzoso”: battute, vestiti tolti e peli rasati, immagini riprese e pubblicizzate. Poi ne riparliamo.

  2. Sono insegnante in Francia. Anche qui i ragazzi sono diventati pigri, maleducati, ecc. I genirtori li difendono e cosi facendo, fanno del male ai figli che non imparano nè educazione nè rispetto degli altri.

  3. Sono un’insegnante e dico: questo è BULLISMO!!!!

  4. cosa avrebbero starnazzato quelle oche-madri se al posto del ragazzino altrui ci fosse stato il loro figlio?

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -