Gli USA sfidano la Cina, due jet da combattimento atterrano a Taiwan

us-f18

 

L’atterraggio di due aerei da combattimento degli Stati Uniti su Taiwan, mercoledì scorso, ha fatto infuriare la Cina e mentre  il Pentagono si giustifica dicendo gli aerei hanno avuto problemi meccanici durante il volo per una esercitazione di routine, altri lo vedono come un aggressivo messaggio politico.

Mentre Washington considera Taiwan come una nazione indipendente, la Cina considera l’isola, a soli 140 miglia dalla sua costa, come proprio territorio sotto la “politica di una sola Cina”.

Mentre gli Stati Uniti hanno promesso sostegno a Taipei, qualsiasi contatto militare tra i due è fortemente malvisto da Pechino. Ecco perché l’atterraggio di Mercoledì di due F-18 nella base aerea Tainan è così preoccupante – e inusuale.

“Abbiamo già fatto dichiarazioni solenni alla parte statunitense,” ha detto il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Hua Chunying, in una conferenza stampa. “La Cina chiede che gli Stati Uniti rispettino rigorosamente  la” politica di una sola Cina ”

Da parte sua, il Pentagono insiste sul fatto che l’incidente è stato una situazione di emergenza, non un atto di sfida.

Secondo il Washington Times, il portavoce del Corpo dei Marines, Maj. Paul L. Greenberg, ha detto “Due F-18C Hornets … hanno fatto un atterraggio precauzionale questa mattina in un aeroporto nel sud-ovest di Taiwan,”. “È attualmente all’esame la causa del problema meccanico che ha portato alla atterraggio precauzionale. Non appena sarà eseguita la manutenzione necessaria, l’aereo partirà da Taiwan. ”

Ma i tempi degli eventi rendono la versione del Pentagono altamente sospetta, soprattutto perché i due aerei da combattimento avrebbero potuto altrettanto facilmente all’aerodromo giapponese sull’isola Shimoji, a soli 120 km a est.

Gli sbarchi inoltre sembrano tempestivi dato il recente aumento dell’aggressiva retorica americana contro il governo cinese. Martedì scorso, il comandante della Flotta del Pacifico degli Stati Uniti ha avvertito, durante una conferenza in Australia, sulla costruzione della Cina di una “grande muraglia di sabbia,” in riferimento alle isole artificiali in costruzione nella catena Spratly. Usa contro Pechino “costruisce un’isola di massi nel Mar della Cina”

” Non è una sorpresa che la portata e il ritmo di costruzione di isole artificiali solleva seri interrogativi sulle intenzioni cinesi”, ha detto l’ammiraglio Harry Harris Jr..

Queste accuse di aggressione cinese nel Mar Cinese Meridionale sembrano essere la causa di un aumento delle ostilità americane. Nel mese di marzo, il Senato degli Stati Uniti ha chiesto al Pentagono di sviluppare una strategia per contrastare l’ascesa dell’influenza cinese nella regione.

L’incidente di mercoledì non è nemmeno il primo esempio di una presenza  aggressiva degli Stati Uniti negli ultimi mesi. Nel mese di febbraio, gli Stati Uniti hanno spostato il loro aereo spia più avanzato, il Poseidon P-8A, nelle Filippine per controllare la regione.



   

 

 

1 Commento per “Gli USA sfidano la Cina, due jet da combattimento atterrano a Taiwan”

  1. la banca internazionale asiatica, in concorrenza alla Fmi americana, è stata varata pochi giorni fa dai cinesi e sostenuta dall’europa, la cosa ha indispettito gli americani, che incominciano le danze mostrando i muscoli, diciamo che gli americani si sono comportati da sprovveduti da troppo tempo ormai. I buoi sono scappati da un pezzo e rischiano di trascinarci in un conflitto senza precedenti se non attivano neuroni migliori di quelli del senato che delega il pentagono.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -