Coisp: l’Austria manda indietro immigrati malati senza avvertirci

polizia

 

E’ accaduto durante il fine settimana, ma non è la prima volta che succede. Un immigrato, malato, scovato dalla polizia austriaca è stato “riaccompagnato” in Italia al Commissariato del Brennero. Sono migliaia coloro che hanno subito la medesima sorte, altrettanti ed ancor di più la seguiranno quest’anno. Proprio per questo serve un’attenzione particolare per quella che è diventata la vera frontiera d’Europa, dove i trattati tra gli Stati, contano, ma alla fine tocca sempre e solo a noi poliziotti curarci in tutto e per tutto di questi immigrati, dichiara Franco Maccari, Segretario Generale del Sindacato di Polizia Coisp.

Il giovane marocchino era stato fermato il giorno prima in Austria, e li, secondo il suo racconto è stato colto da una crisi epilettica, ma avendo con sé un paio di pillole, è riuscito ad evitarne gli effetti più nefasti. All’indomani, accompagnato dalla polizia austriaca al Commissariato del Brennero è stato consegnato senza che questa particolare condizione medica fosse menzionata nei documenti che accompagnavano lo straniero. Dopo meno di un’ora il giovane cadeva a terra in preda a convulsioni, finendo sotto una scrivania. Solo la prontezza dei poliziotti ha evitato peggiori conseguenze del ricovero in ospedale, prosegue Maccari.

Nel recente passato si erano verificati anche dei casi di scabbia, senza che le autorità austriache lo sapessero o l’avessero segnalato. Noi così lavoriamo al buio. I protocolli di intesa, gli accordi e le visite ufficiali non servono a nulla a noi se la nostra sicurezza di operatori di polizia rimane l’ultima priorità, un male accettabile solo da chi non passa ore in una stanza con persone che portano e porteranno qualsiasi forma di malattia, senza che noi possiamo né proteggerci, né curarli, né salvaguardare i cittadini ignari che vengono a contatto con queste persone una volta usciti dalle porte dei nostri Uffici. Non si tratta di facili allarmismi, di ideologie, di generalizzazioni che lasciamo ai politici, ma semplicemente di non nascondere, assieme alla realtà, la polvere sotto al tappeto dell’ipocrisia del “se non vedo non mi riguarda…”, conclude il leader del Coisp.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -