Roma: case popolari assegnate illegalmente a immigrati, 6 arresti

case_popolari

 

Funzionavano come una vera e propria agenzia immobiliare e assegnavano case occupate di proprietà di enti pubblici ad immigrati. A capo dell’organizzazione, composta da membri di un’unica famiglia, c’era una nonna di 64 anni.

Come riporta il messaggero, la banda operava al Tuscolano ed è stata scoperta dagli agenti del locale commissariato. Per ogni abitazione veniva richiesto un compenso che oscillava dagli otto ai 20 mila euro. A capo del sodalizio una donna 64enne che, tramite una sua conoscente, impiegata al Catasto,  riusciva a sapere quali erano gli appartamenti degli enti al momento liberi. In base alle richieste l’organizzazione provvedeva ad occuparli tramite l’aiuto di alcuni fabbri compiacenti.

A quanto emerso dalle indagini, in sei mesi ne avrebbero occupati e assegnati illegalmente venti. Sono sei i componenti della famiglia finiti in carcere, dieci i complici ai domiciliari, mentre l’impiegata del Catasto è stata sottoposta alla misura di divieto di dimora nel comune di Roma.



   

 

 

1 Commento per “Roma: case popolari assegnate illegalmente a immigrati, 6 arresti”

  1. TANTO POI CI SONO GLI AVVOCATI.;!- … (???)
    L’ITALIA.? E’ COME CON LE CINQUE DITA “OTTURARE TUTTI I FORI DI UN COLABRODO”- POVERA ITALIA,= … (???)

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -