Una donna si sarebbe uccisa “con diverse coltellate”. Morto anche figlio di 3 anni

Condividi

 

Ambulanza

 

Napoli – Anna Esposito potrebbe aver avvelenato il figlio Giacomo prima di suicidarsi. E’ il sospetto su cui lavorera’ il medico legale durante l’autopsia alle salme della donna e del bambino. Secondo gli inquirenti e’ chiaro che la 35enne e’ morta dopo essersi autoinflitte diverse coltellate, meno chiara e’ la causa del decesso del piccolo di quasi tre anni, il cui corpo non presenta ferite esterne.

A terra, pero’, nella stanza da letto in cui sono stati trovati i corpi, gli investigatori hanno notato diverse bustine di un medicinale, il Nimesulide, commercializzato con il nome di Aulin, e l’ipotesi e’ che Anna Esposito abbia somministrato il farmaco in dosi nocive al figlio. Solo esami tossicologici potranno confermare questo sospetto.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -