Unioni civili: la sinistra vota compatta, primo sì al Senato

pci

 

La commissione Giustizia del Senato ha dato il via libera al testo base sulle Unioni civili con il voto favorevole di Pd, M5S e Psi ma con il no di Ncd, partito di maggioranza.
Esulta il senatore dem Andrea Marcucci: “E’ il primo importante passo. Ora aspettiamo il via libera del Senato sulle unioni civili entro fine maggio. Il testo della collega Monica Cirinna’ e’ di natura parlamentare: oggi abbiamo dimostrato che c’e’ un’ampia maggioranza in grado di colmare un gap storico con il resto dell’Europa”. “Il provvedimento ricalca il modello tedesco – aggiunge Marcucci – cosi’ come Matteo Renzi aveva proposto durante le primarie del Pd”.

“Area popolare ha votato contro il testo base Cirinna’ sulle unioni civili perche’ di fatto le equipara al matrimonio” conferma la senatrice di Ap-Ncd Federica Chiavaroli. “Per noi il matrimonio e’ solo quello tra un uomo ed una donna, cio’ non esclude che siamo disponibili a discutere di unioni civili ma solo se sono cosa ben diversa dal matrimonio”.

“Pd e 5 Stelle hanno espresso sul ddl istitutivo del matrimonio omosessuale prima che un voto una cultura comune che mette in discussione il compromesso repubblicano che diede luogo alla nostra Costituzione ove il matrimonio e’ collegato alla “societa’ naturale” afferma Maurizio Sacconi, che ribadisce il voto contrario di Ncd ma spiega: “Si tratta di un atto divisivo della nazione anche se non investe il patto di maggioranza costruito sulla emergenza economico-sociale”.



   

 

 

1 Commento per “Unioni civili: la sinistra vota compatta, primo sì al Senato”

  1. A parte che e’ una boiata del cavolo, e visto che non c’erano altre cose da discutere, la sinistra ha riempito il tempo.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -