Modella svedese picchiata e stuprata per mesi. L’aguzzino aveva precedenti specifici

violenza

 

E’ stata sequestrata, picchiata e stuprata per mesi da un aguzzino che si era presentato come agente nel mondo della moda: quando nella serata di sabato i carabinieri hanno fatto irruzione nell’appartamento di Cinisello Balsamo dove era reclusa dal settembre scorso, si sono trovati davanti a un ‘fantasma’: una ragazza dimagrita, trascurata e in forte stato di choc, irriconoscibile rispetto alle foto postate su Facebook che la ritraevano durante la partecipazione di Miss Universo in Svezia, suo paese d’origine.

La storia della 22enne svedese e’ iniziata nel settembre dello scorso anno, quando dopo la partecipazione al concorso ha tentato di esordire nell’ambiente delle sfilate milanesi attraverso un contatto su Facebook, un 41enne, che aveva millantato contatti di alto livello e lavori per importanti case di moda. L’uomo, in realta’, aveva appena scontato una pena di cinque anni per sequestro di persona e stupro ai danni di una 25enne bielorussa, e dopo aver vinto la fiducia della ragazza svedese convincendola ad andare ad abitare da lui l’ha fatta precipitare in un incubo: la vittima e’ stata picchiata, subendo lesioni che l’hanno immobilizzata per settimane, legata al letto e stuprata e completamente isolata dal mondo.

L’aguzzino le consentiva di scrivere e conversare con i genitori via Facebook e Skype, ma solo in inglese, per capire cosa la ragazza dicesse ed evitare cosi’ che desse l’allarme.
La sera del 21 marzo scorso, recuperate brevemente le forze, la 22enne si e’ messa a gridare a squarciagola e alcuni vicini hanno chiamato i carabinieri: durante l’irruzione lo stupratore ha cercato di mantenere un contegno normale sostenendo che si era trattato solo di un litigio tra fidanzati, ma le condizioni in cui versava la vittima raccontavano la verita’.

La ragazza e’ stata condotta in caserma, dove ha raccontato tutta la sua storia grazie all’aiuto di un interprete ed e’ poi stata trasportata in ospedale. L’aguzzino e’ detenuto nel carcere di Monza con accuse pesantissime: deve rispondere di sequestro di persona, violenza sessuale e lesioni. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -