Afghanistan: la donna massacrata e bruciata per blasfemia era innocente

afghanistan-donna-uccisa

 

Era innocente la donna afghana portatrice di handicap picchiata a morte e bruciata a Kabul per il presunto rogo di alcune pagine del Corano. Lo ha rivelato il capo della polizia criminale Mohamma Zahir che ha anche fatto sapere che 13 persone sono state arrestate. L’aggressione era avvenuta tre giorni fa vicino alla moschea Shah-Du-Shamshaira.

La vittima, di 27 anni e identificata come Farkhunda soffriva da 16 anni di problemi mentali. Un video, diventato virale in rete, mostra l’aggressione subita dalla donna. Una folla inferocita la picchia con bastoni; alcuni le camminano sulle gambe; un uomo la colpisce con un mattone. Altri infieriscono con calci e pugni anche sul corpo ormai senza vita. A quel punto, la portano su un argine del fiume Kabul: qui danno fuoco al suo corpo e lo gettano nel corso d’acqua. Le immagini mostrano anche tante persone che non fanno nulla per fermare gli aggressori, ma intenti a riprenere tutto con i telefoni cellulari. “Farkhunda era totalmente innocente”, ha detto Zahir.

bruciata-afghanistan

Centinaia di persone hanno partecipato oggi ai funeraldi Farkhunda. Le esequie si sono tenute nel cimitero del quartiere di Panjsad, a nord di Kabul, nelal calma. Vi hanno assistito diversi membri del Parlamento. In un comunicato il ministero dell’Interno ha precisato che 13 poliziotti sono stati sospesi e tra loro il capo della polizia del quartiere, per non aver impedito il licniaggio. Il ministro dell’Interno Noorul Haq Ulumi ha chiesto alla polizia di Kabul di aprire una “seria inchiesta” su quanto è accaduto. Altre 11 persone sono state arrestate.

 

“E’ stato un crimine contro questa famiglia, un crimine contro una sorella e un crimine contro l’umanità” ha detto Bari Salam, un militante per i diritti umani. Alle esequie hanno preso parte diverse donne, militanti delle organizzazioni per i diritti civiliIl fratello della vittima Najeebullah, ha detto che la sorella era “profondamente religiosa, recitava il Corano e pregava cinque volte al giorno”. Secondo la polizia da quattro anni era in cura per problemi psichiatrici.(Fonte Afp)

 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -