Sicilia, assuzioni illecite: indagati Crocetta e Ingroia

crocetta-ingroia

 

Il presidente della Regione siciliana e l’ex magistrato Antonio Ingroia sono stati iscritti nel registro degli indagati della Procura di Palermo per l’ipotesi di abuso d’ufficio in relazione alla vicenda della societa’ partecipata regionale “Sicilia e-servizi”, che si occupa dell’informatizzazione dell’amministrazione.
L’iscrizione nel registro degli indagati e’ un atto dovuto dopo che il Gip, nei giorni scorsi, aveva respinto la richiesta di archiviazione presentata dalla Procura.
Il procedimento penale riguarda una serie di assunzioni che sarebbero state effettuate in violazione delle norme che bloccano le immissioni in servizio nella pubblica amministrazione.

Lo scorso 9 marzo, il Gip Lorenzo Matassa aveva rigettato la richiesta di archiviazione “contro ignoti” e avea ordinato alla Procura di indagare i presunti responsabili, dando loro un nome e cognome in base a un rapporto presentato dalla Guardia di finanza. Oltre a quelle di Crocetta e a Ingroia, che e’ presidente di Sicilia e-servizi, il Gip rifiutato di archiviare anche le posizioni di Mariano Pisciotta, rappresentante dell’organismo di controllo di Sicilia e-servizi, delgli assessori regionali in carica all’epoca dei fatti, nel dicembre 2013, ossia Antonino Bartolotta (Infrastrutture), Ester Bonafede (Lavoro), Dario Cartabellotta (Agricoltura), Nelli Scilabra (Formazione), Michela Stancheris (Turismo) e Patrizia Valenti (Funzione pubblica).

L’accusa contro Ingroia muove dal fatto che, da commissario liquidatore, l’ex procuratore aggiunto di Palermo stipulo’ contratti con 75 dipendenti della Sisev, societa’ privata satellite dell’azienda pubblica: si sarebbe trattato di “assunzioni mascherate” nella pubblica amministrazione, effettuate in violazione delle regole che prevedono le immissioni in servizio nel pubblico e il blocco in questo settore, disposto per ragioni di spending review. L’operazione fu portata a termine dopo un parere dell’Avvocatura dello Stato, che pero’ secondo la Guardia di Finanza non era vincolante, circa la possibilita’ di assumere a tempo indeterminato nelle societa’ partecipate, con il cosiddetto “ripopolamento”: mentre sarebbe dovuto valere il divieto anche di fare assunzioni a tempo determinato. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -